Biografia umana

Una contraddizione di Glenn (ancora Elogio della contraddizione)

Ma come faceva Glenn Gould ad isolarsi nella solitudine di una sala d’incisione  senza trattenere la pulsione a canticchiare così caratteristica del suo stile?

 

In questi giorni in cui riesco a trattenermi dall’esprimere qualunque impressione od opinione in materia di attualità, come già dichiarato nell’ultimo post Navigando nel vasto mare del Non-Sapere, in questi giorni mi trovo sovente a rivedere vecchie pagine che considero fondamentali.
Sono pagine che magari i lettori di questi ultimi anni non conoscono.

Mentre rivedevo questo “Elogio della contraddizione”,  riascoltavo le Variazioni Goldberg e mi sono sorpreso a considerare come il talento geniale di Glen Gould prosperi in una straordinaria contraddizione.
Per un verso prediligeva l’esecuzione “fredda” in uno studio di registrazione.
Per altro verso, nemmeno nel freddo di questo studio  riusciva a trattenere quel “bollore” della pulsione che lo portava a canticchiare arie mentre suonava.

Sembra una contraddizione curiosa!

Offro pertanto a chi già non la conoscesse, la riproposizione di questa pagina di dieci anni fa, oggi rivista da me.

Elogio della contraddizione

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *